Non abbiate paura: querelate! Solo così avremo la “buona scuola”